Sembra passato tanto tempo da quando ci si lamentava del “turismo di massa”.

Oggi rimpiangiamo la ricchezza che (ci) portava e probabilmente anche la maleducazione delle orde infernali di persone che disturbavano le nostre notti, sporcavano le nostre strade, si portavano via la sabbia bianca dalla Sardegna o pezzi di quanto ci hanno lasciato i Romani (in foto una copertina del 9 agosto 2019).

” Il 2019 è stato l’anno dei record per il turismo in Italia131,4 milioni di arrivi, 436,7 milioni di presenze e una crescita del 2,6% sull’anno precedentearrivando a occupare circa 4,2 milioni di persone. Una miniera d’oro per il nostro Paese e un asset economico che, secondo l’ultimo rapporto Enit, prima della pandemia pesava per circa il 13% del Prodotto interno lordo. Basterebbero questi dati per capire l’impatto del Covid-19 sull’intero settore, i cui effetti oggi sono stati fotografati da un rapporto dell’Istat che nei primi nove mesi del 2020 ha registrato presenze nelle strutture turistiche più che dimezzate.” (fonte AGI -Turismo miniera d’oro italiana, pesa il 13% del Pil – 29 dic 2020).

Dalla Treccani – sinonimi e contrari :

Viaggio /vi’adʒ:o/ s. m. [dal provenz. viatge, fr. ant. veiage, lat. viatĭcum “provvista per il viaggio” e più tardi “viaggio”]. – 1. [l’andare da un luogo a un altro, per lo più distante, con un mezzo di trasporto: fare un v. in trenomettersi in v.] ≈ ↓ escursione, gita, spostamento. ⇓ pellegrinaggio, peregrinazione, vagabondaggio. ● Espressioni: fig., ultimo (o estremo)viaggio≈ morte. 2. [pratica devozionale consistente nel recarsi in un luogo sacro: il v. alla Mecca] ≈ pellegrinaggio. 3. [il portare qualcosa da un luogo a un altro con un mezzo di trasporto: la borsa si è rovinata durante il v.] ≈ trasporto. ● Espressioni: fig., fare un viaggio e due servizi [ottenere con un’unica operazione due risultati] ≈ prendere due piccioni con una fava. 4. (fig., gerg.) [lo stato di obnubilazione e allucinazione di chi è sotto l’azione di sostanze stupefacenti] ≈ trip.

Escursione, gita, spostamento. Pellegrinaggio, peregrinazione, vagabondaggio. Perché? Sono utili? Abbiamo visto tutto in TV o sul web. Ormai si può sapere tutto con un clic.

Per me viaggiare vuol dire parlare con la gente più che vedere. E per parlare spesso viaggio. Se non parlo “guardo”. E non serve andare sempre lontano.

“Isole, Guida vagabonda di Roma” : Dal libro di Marco Lodoli, (Einaudi): “Ogni tanto cerco di riconoscere un’isola nel grande mare della città: e possono essere quadri o alberi, libri o angoli in penombra, statue o fontanelle, luoghi che quasi si nascondono per non essere cancellati, come quei gatti bellissimi che scopriamo accoccolati sotto il parafango di una auto in sosta e che ci studiano con i muscoli tesi e con gli occhi pieni di apprensione, perché hanno visto tanti compagni travolti dalla furia delle macchine”

Grand Tour e Interrail: Bisognerebbe ritrovare la spinta che hanno avuto tanti studiosi del passato come Michel de Montaigne, Charles de Montesquieu e Johann von Goethe: fare un Viaggio in Italia con gli occhi di chi vuole vedere per apprendere. Se poi ci si diverte, meglio.

Sarebbe stato bello vivere nell’epoca del Grand Tour ma, in definitiva, anche l’epoca dell’Interrail non è stata brutta. Siamo andati in Spagna, Francia, Svizzera, Germania e Gran Bretagna, e in Scandinavia. All’epoca non immaginavamo di fare un viaggio “slow”, a farlo adesso avrei fatto qualcosa di tendenza (Covid permettendo). Certo i ragazzi dell’Inter Rail lo facevano durante l’estate e non per un anno intero ma meglio che niente. E ancora adesso hanno amici in un sacco di posti che raggiunti allora.

Goethe durante il suo Grand Tour è arrivato anche a Frascati. Dovrebbe essere una cosa da vivere come una gran fortuna, se non dal punto di vista storico (si dovrebbe!) almeno turistico. La lapide in foto lo ricorda e guardate come è ridotta. Gli era stata dedicata una strada importante, poi è diventata Corso Italia al momento dell’unificazione. Poi una strada più piccola ma vicina a strade con nomi di gente pari a lui (fonte: Frascati nelle sue strade. Evaristo Dandini, 1962). Se ora andate su Google Maps cercando Via Goethe a Frascati non troverete nulla.

Un nuovo Grand Tour

Abbiamo bisogno di un Grand Tour. E’ un modo sostenibile di far turismo e, contemporaneamente, è un modo per arricchirsi culturalmente, è un modo per ricostruire una Comunità. Ed è un modo – raccontando le storie di viaggio – di fare una buona pubblicità a bei posti (e a belle persone) in una maniera fuori dagli schemi.

Nell’ultimo periodo abbiamo raccolto immagini, video e pensieri. Ed in queste ultime settimane abbiamo pensato di costruirci su l’idea “Ci si vede in giro”, (oltre che con questo sito: con un canale YouTube, una pagina Facebook, un profilo Twitter e uno Instagram, e per finire con un gruppo LinkedIn) . Chi non potrà partecipare vivrà comunque il viaggio in differita tramite il racconto ed il video, potrà domandare, dare impressioni, partecipare ed avere indicazioni. Fare amicizia fisica oltre che virtuale.

E potrebbe pure essere un modo di fare network fra tutti quelli che seguiranno questa mia idea e contribuiranno con contenuti, pensieri, belle cose (ma anche “brutte” se servono a migliorare le cose). Oppure trovare un’isola con gatti accoccolati da qualche parte.

E se quanto vi abbiamo raccontato non è una novità assoluta, è un modo in più per riscoprire le proprie radici. Ed esserne fieri anche senza aspettare di vincere un Mondiale di Calcio, una Medaglia Olimpica o l’intervista di uno Stilista ad una TV estera.

Vi aspettiamo

#cisivedeingiro

#sottolostessocielo